1991

Non c’è traccia del campionato di basket della stagione 1990-91.
Interessante il 1uori prepotentemente alcuni giovani come Laura Lentini, che dopo la convocazione nella nazionale junior si sta confermando con una continuità di prestazioni incredibili pure nella senior. La più lieta sorpresa è quella di Patrizia Fricano, che nella categoria junior grazie ai suoi risultati si è imposta anche nella senior ed è arrivata nel mirino dei selezionatori della nazionale”.

“Colao è andato a segno” e “Barcellona è vicina per il bravo Colao”: sono i titoli sotto i quali la Gazzetta di Parma racconta la brillante affermazione di Beppe, che a Ponte nelle Alpi (Belluno) si è guadagnata la medaglia di bronzo e la convocazione nella squadra nazionale di tiro a segno, con l’entusiasmante epilogo del 5° posto nella gara internazionale di Londra, tra 47 nazioni, e il bel “rischio” della possibile convocazione nella nazionale olimpica di Barcellona.

I brillanti risultati di Giorgio Cervi e di Laura Lentini non sfuggono al dinamico presidente della Libertas Sanseverina Remo Pattini, che provvede a premiare i due promettenti atleti con il David per lo sport.


1992

E’ un anno memorabile. La Polisportiva don Gnocchi, già staccatasi fisicamente dall’omonimo Centro in cui era nata, dto involontario accostamento. La “filosofia” al 1° ottobre cambia nome. Scelta difficile, discussa, ma necessaria.
Una copia in carta carbone dello Statuto approvato dall’assemblea straordinaria dei soci (per il cambio del nome) l’11 luglio 1992 titola: Art. 1 – E’ costituita un’Associazione denominata “GIOCO POLISPORTIVA”. La fotocopia del verbale dell’assemblea straordinaria lo conferma.
Una fotocopia dello Statuto approvato dall’assemblea straordinaria dei soci nel settembre 1996, allegata alla richiesta di iscrizione nel Registro regionale del Volontariato, firmata dal presidente Sandro Meli il 9 ottobre dello stesso anno, recita: Art. 1 – E’ costituita un’Associazione denominata “POLISPORTIVA GIOCO PARMA”.
Quasi naturalmente nel tempo ci si abituerà a chiamarla GIOCO.

Proseguono i lavori per la ristrutturazione della sede. Si sta completando un grande locale polivalente. A parte verrà trattato l’argomento.
Intanto nella sede di via Barilla 29 ottengono ospitalità tre associazioni: Agedisco (Ass. Genitori Disabili Scolarizzati), Anglat (Ass. Nazionale Guida Legislazioni Handicappati) e l’Associazione Paraplegici.

Il basket ha un nuovo allenatore: Daniele Simboli. Inizia il campionato 1992-93 in A2 con l’ambizione di salire in categoria. Nella rosa dei giocatori compare Antonio De Gregorio. Le prime tre partite sono vittoriose.
Durante l’estate la squadra partecipa ancora al torneo internazionale di basket in carrozzina a Donauworth.

Una ventata d’Europa a Parma: il gruppo dei tiratori della società tedesca Tgs di Reutlingen è ospite della sezione di tiro a segno parmense. Utile scambio di metodi di allenamento di due diverse scuole. Nei risultati primeggia Giuseppe Colao, che per un soffio ha mancato la partecipazione alle Paralimpiadi e che perciò punta con maggior determinazione ai mondiali del 1993.
Gli esperti allenatori Nino Rolli e Mauro Caleffi sono fieri dei risultati e sono anche lieti di far sapere che nel poligono parmense sono state eliminate tutte le barriere architettoniche: il poligono di tiro è per tutti.
Il nostro Beppe si piazza quarto ai campionati nazionali di Rovereto nella specialità pistola ad aria compressa.
Il gruppo di Reutlingen è composito, annovera disabili di differenti categorie, si trattiene in città nell’ambito di un gemellaggio programmato dalla Provincia. Scambio di esperienze. C’è sempre da imparare. Il presidente del gruppo tedesco, Uwe Scoltler, commenta: “E’ importante non cadere nell’assistenzialismo, la nostra attività non vuole sostituirsi ai genitori, ma vuole creare uno stimolo per staccare ed introdurre i ragazzi in determinati contesti sociali. Lo sport infatti è un’occasione per dimostrare le proprie capacità, uno stimolo per stare con gli altri e imparare cose nuove”.

Sparita l’atletica, cessato il tennis tavolo, la società incrementa le attività natatorie guardando soprattutto ai più giovani, dotandosi di istruttori e circondandosi di volontari. Una politica concreta e realistica, che darà frutti buoni e abbondanti. I risultati agonistici non traggano in inganno: sono la parte più visibile, la punta dell’iceberg che segnala una massa sommersa dieci volte più grande. L’argomento verrà ripreso e approfondito più avanti.
I corsi di acquaticità nelle piscine comunali sono già una realtà.
La Polisportiva sta inoltre lavorando con la società Parma Sub per organizzare un corso di sub per portatori di handicap.

La IX edizione italiana delle “Special Olimpics” a Pescara, a metà giugno, vede con l’istruttore Stefano Sottili il piccolo Alessandro Bianchi (7 anni) e la 17enne Matilde Gazzi. E’ la loro prima gara nazionale, dopo solo un anno di attività. Gioia immensa per i risultati ottenuti: oro nei 25 rana e argento nei 25 stile libero per A. Bianchi; oro nei 25 stile libero e titolo di campionessa italiana per M. Gazzi, oltre all’argento nei 25 dorso; coppa per la società. E’ una pietra miliare per il cammino che la Don Gnocchi-Gioco percorrerà negli anni seguenti.

A Cesena, organizzato dall’Anffas, il terzo campionato interregionale di nuoto per disabili fisici e relazionali. Partecipano 16 società. Guidati dagli istruttori G. Giacopinelli, Stefano Sottili e Natale Lo Presti, i nostri tre giovanissimi concorrenti si guadagnano i primi posti sul podio con prestazioni eccellenti apprezzate anche dai tecnici delle altre società. Matilde Gazzi domina nei 50 rana superando atlete di categoria ed età superiori e percorre i 25 stile libero con una impressionante continuità di ritmo. Alessandro Bianchi migliora i suoi tempi personali, vince i 25 rana e si piazza secondo nei 25 stile libero. Luca Vitali (10 anni) strappa la vittoria nei 25 dorso all’ultima bracciata e si piazza terzo nei 25 rana.

VII meeting interregionale di nuoto “Città di Parma” organizzato dalla Don Gnocchi Zeus, il 18 aprile.
“Oltre alla “vecchia guardia” degli atleti – scrive la Gazzetta di Parma qualche giorno dopo – che con il loro contributo hanno reso solida questa disciplina, vanno segnalate due nuove leve promettenti: Barbara Manghi e Claudio Bronzoni”.
Ospiti d’onore Bebeto, allenatore, e Adriano Guareschi, preparatore atletico della Maxicono.
Ai campionati italiani di nuoto di Verona, 3-5 luglio, i 9 concorrenti della Gioco fanno piazzare la società al 10° posto, guadagnando tutti una o più medaglie, in totale 11 oro, 6 argento, 3 bronzo. Ecco i nomi: Andriani, Casu, Cervi, De Magistris, Fricano, Giarelli, Lentini, Losciale, Romano.

Non cessano le sorprese nel nuoto. Voluta dal campione mondiale paraplegici Gianpaolo Cerri, la maratona del mare Portovenere – Palmaria – Portovenere si effettua d’estate. Giuliano Giacopinelli accetta di affiancarsi al campione. In poco più di tre ore il periplo dell’isola è compiuto.
“Molto emozionante l’ultimo chilometro – scrive la Gazzetta di Parma del 28 agosto – con i due nuotatori accompagnati da numerose barche al suono delle sirene e accolti dagli applausi di numerosissime persone.” Ottimo risultato sportivo e promozionale: “Volevo dimostrare che chi si trova su una carrozzina può realizzare anche i propri desideri sportivi” – afferma G. Cerri.
Sotto lo striscione “Scusate, ci sono anch’io” il 6 giugno sfilano in corteo nel centro di Parma persone disabili, anziani, bambini, mossi da alcune associazioni, tra cui la Polisportiva. Scopo: sensibilizzare gli automobilisti a un corretto comportamento nella guida e nell’uso degli spazi. Con una proiezione di diapositive si documenta il disordine e la maleducazione, che creano difficoltà a chi è già impedito per età o per malattia.


1993

La squadra di basket, concluso egregiamente il campionato 1992-93 in A2, passa ai play off e gioca in A1 il campionato ‘93-94. Importante il contributo del giocatore De Gregorio, proveniente dal Giaguaro di Pescara che militava in A1. Ligorio e Nicolini sono convocati nella nazionale maschile di basket.
L’allenatore Antonio Ievolella è affiancato da Daniele Simboli.
Per la prima volta la cronaca delle partite è firmata da Roberto Lurisi, che continuerà regolarmente, come documentano le uscite della Gazzetta di Parma del 2008. Al giovane giornalista, collaboratore esterno del quotidiano, è affidato il settore sportivo basket. La sua disponibilità diventerà importante nel tempo, fino all’apprezzata collaborazione con il periodico “SPORT-AL Parma”.
I giocatori sono: Sillani, Nicolini, Ligorio, De Gregorio, Gurrado, Romano, Ducoli, Marini, De Nora, Bottazzi. Disputeranno in A1 il campionato 1993-94 accedendo ai play off per la finale scudetto.
Il mese di febbraio si conclude con un evento importante: l’inaugurazione della palestra polivalente nella sede di via Barilla. La Gazzetta di Parma dedica un bell’articolo con la foto dell’assessore Marcella Saccani che taglia il nastro.

Il 21 ottobre l’assemblea straordinaria elegge il nuovo consiglio direttivo, ma partirà da febbraio ‘94 la presidenza del dott. Sandro Meli, allo scadere della prima presidenza di Davide Romano.

Nuoto. VIII meeting “Città di Parma”. Eccellente secondo posto nella classifica per società. Confermati e migliorati i precedenti risultati personali. Si distinguono: Matilde Gazzi, Luca Vitali, Laura Pellegri, Giorgio Cervi, Margherita Casu.

Soltanto una settimana dopo, nel 2° meeting di nuoto di Massa Carrara la Gioco si piazza al posto d’onore. Ottima affermazione di Fabio Giarelli e Federico De Magistris, che si cimentano nelle misure di 50 e 100 metri, avendo la Fisha abolito le gare di 25 m. per le categorie “fisici”.
Record italiano di Laura Lentini nei 100 dorso e 50 stile libero Qualificate per le finali di Loano anche le emergenti Grazia Proscia, Barbara Manghi, Patrizia Fricano. Bene i “veterani” Aldo Losciale e Nicola Andriani, detentore del titolo di mezzofondo nei 200 e 400 stile libero
Durante le gare Giacopinelli concerta con il campione G. Cerri la maratona di 21 km attorno all’isola del Giglio, allo scopo di battere il record mondiale. In previsione anche la 11 km Portovenere – Lerici e la 5 km delle Cinque Terre, alla quale parteciperebbero anche Gaetano Lo Presti e Tommaso Piarulli.

A Loano nel XVI campionato di nuoto la Gioco si qualifica all’8° posto per società, con ottimi risultati di Laura Lentini e Grazia Proscia, che oltre ad aver conquistato tre medaglie d’oro nelle diverse specialità, hanno conseguito due record italiani di categoria nei 50 e 100 stile libero Oro nei 50 rana per Margherita Casu e due medaglie d’argento per Patrizia Fricano.

La premiazione durante la cena annuale di fine stagione ‘92-93, offerta dal Veliero, è l’occasione per mettere in evidenza i titoli italiani di nuoto conquistati da Margherita Casu, Fabio Giarelli, e Grazia Proscia. Targa anche a Tommaso Piarulli, campione italiano di lancio del disco e del giavellotto, titoli conquistati a Bologna il 26-27 giugno nei campionati italiani di atletica leggera. Il fiduciario provinciale Fisd (è la prima volta che compare la nuova sigla), Remo Pattini, consegna un premio speciale a Laura Lentini per essersi distinta ai campionati italiani di nuoto a Loano con tre medaglie d’oro.

Nel trascrivere questi risultati notiamo qualche incongruenza, dovuta certamente alle modalità di comunicazione tra la segreteria della Gioco e la redazione della Gazzetta di Parma. Ce ne scusiamo con le persone interessate.

Nel tiro a segno, seconda edizione del Trofeo Città di Parma per disabili, organizzato con il patrocinio dell’associazione NUOVI ORIZZONTI, il 14 marzo Giuseppe Colao, nonostante un infortunio, si piazza all’8° posto battendo l’olimpionico Martella.

Gioco news: informazioni sullo sport per disabili. E’ la testata della “pubblicazione occasionale della Gioco Polisportiva” uscita con il numero 1 di gennaio – febbraio, il primo di una serie non regolare di giornalini che durerà circa 4 anni. Il secondo numero esce a metà anno nel ‘93, un numero uscirà a metà anno nel ‘94. Ne ricaviamo alcune utili informazioni.
Sono elencati i brillanti risultati delle 12 partite del campionato di basket 1992-93 e dei play off, che hanno consentito l’accesso alla serie A1. L’organico della Gioco: presidente Davide Romano; consiglieri: Mario Avinio, Bruna Magnavacchi, Angelo Pizzarotti, Luciana Rabaglia, Armando Reggio, Angela Reverberi. Una curiosità: la quota sociale per l’anno sociale 1992-93 è di lire 120 mila.


1994

A metà anno esce un’edizione speciale del “GIOrnalino”, dove la prima sillaba richiama il nome della Gioco. Vi si trovano progetti interessanti a firma di Sandro Meli e di Roberto Cervi., progetti che necessitano di molte persone professionalmente preparate e di altri volontari. L’elenco che segue testimonia la serietà degl’intenti.
Ecco l’organigramma della Gioco: presidente dott. Sandro Meli, vice presidente Roberto Cervi, segretario-amministratore Michele Curatolo, direttore sportivo Gaetano Lo Presti, Cassiere Margherita Casu, consiglieri Angela Reverberi e Marianna They. Segreteria: Avinio, Curatolo, Reverberi, coadiuvati da Paolo Bertoldi e Piero Provini.
Settore basket. Responsabile Armando Reggio, allenatori prof. Antonio Jevolella e Daniele Simboli.
Settore tiro a segno. Responsabile Giuseppe Colao, con l’assistenza del T.S.N. di Parma.
Settore atletica. Responsabile Tommaso Piarulli.
Settore nuoto. Responsabile Margherita Casu. Allenatori: Michele Bersellini, Stefania Ferrari, Giuliano Giacopinelli, Diego Gibertini, Giovanni Masia, Giancarlo Pasquali, Monica Rossi, Stefano Sottili, Annalisa Zucconi. Assistenti di vasca (volontari C.R.I.): Brunetto Bertoli, Guglielmo Bertoni, Salvatore Gugliuzza, Gianluca Maletti, Paolo Riccò, Corrado Savi, Fabrizio Tanzi.

Cominciano nuovi rapporti dell’Anglat con la Polisportiva perché il dott. Meli è il delegato provinciale.

La squadra di basket si fa onore nel campionato di serie A1, girone nord, concludendo in testa. Memorabile la partita vinta contro la Briantea di Cantù con i 50 punti segnati da Ligorio. Nei play off per la conquista dello scudetto i sogni s’infrangono il 21 aprile contro il forte Corvino Sport di Napoli sul campo di Battipaglia.
Alla fine di settembre la Gioco vince il “Torneo del Giubileo” a Vienna, battendo le squadre austriache, tedesche, slovene e ungheresi, trascinata nella finale da Michele Ligorio, eletto miglior Mvp della manifestazione.
Disputa poi il campionato 1994-95 sempre in A1 con l’allenatore Danilo Pacifico e dirigente Gaetano Lo Presti. La squadra risulta formata da: Sillani, Nicolini, Ligorio, Gurrado, Bottazzi, Bassi, De Gregorio, Ducoli, Marini, De Nora, Nodello; a volte gioca anche Simboli. Le prime partite sono quasi tutte vinte. I parmensi risulteranno in testa alla classifica al termine del girone e potranno disputare i play off per lo scudetto. Dal 19 gennaio del ’95 si registrerà la comparsa di Medioli accanto all’allenatore Pacifico.
Nella Gazzetta di Parma dell’11 febbraio Roberto Lurisi intervista il professor Antonio Jevolella. L’argomento sarà trattato più avanti nel settore basket.

Continuano le belle affermazioni del settore nuoto.
Prima uscita fuori regione: a Montebelluna, campionati regionali, la Gioco è quarta su 10 società. Alessandro Bianchi s’impone nei 25 stile libero e dorso, nonostante un periodo di scarso allenamento. Oro a Vitali nei 25 dorso, a Cervi e a Giarelli nei 50 e 100 stile libero e nei 100 dorso (nelle rispettive categorie), ad Andriani nei 400 stile libero, alla Pellegri nei 50 stile libero, alla Mazzoni nei 25 stile libero e dorso, alla Fricano nei 50 stile libero e dorso, alla Casu nei 50 stile libero e dorso. Le diverse categorie di disabilità vengono qui omesse, per non appesantire la lettura di queste righe.

A Cittadella, nel mese di marzo, assenti Cervi e Lentini, la società si qualifica al quarto posto su 11 e consegue alcuni risultati di rilievo. Nuovo primato nazionale di Grazia Proscia nei 50 stile libero con 1′ 04″ 9, tempo eccezionale per la sua categoria La2. Oro per la Casu, per Alessandro Bianchi, Claudio Bronzoni, Fabio Giarelli e Aldo Losciale. Buoni piazzamenti per tutti gli altri atleti: Luca Vitali, Filippo Magnani, Francesca Mazzoni, Matilde Gazzi, Laura Pellegri, Francesca Andreotti, Michela Diemmi.

Nella piscina di Fornovo (gl’impianti di Parma sono chiusi per le festività pasquali) si svolge il 10 aprile il IX meeting “Città di Parma”. La Gioco s’impone sulle 16 società presenti. Ai nomi in evidenza a Cittadella si uniscono quelli di Andriani, Picucci, De Magistris, Fricano, Gamberini, Schianchi, Valente (debuttante, argento nei 25 rana): tutti saliti sul podio.

Nell’edizione di sabato 23 aprile la Gazzetta di Parma esordisce così: “Sull’onda del successo conseguito nel meeting di Parma, gli atleti della Gioco si sono riproposti nel 3° trofeo “Città di Prato” aggiudicandosi la piazza d’onore per società.” Sono nominati gli atleti, con i loro splendidi piazzamenti che confermano i risultati assodati. L’articolo conclude: “Gli atleti in coro dedicano il loro successo alla compagna di squadra Lentini con l’augurio di vederla presto ristabilita a gareggiare.”

Milano, aprile, XI special Olimpics organizzato dall’Anffas. 90 squadre rappresentano 17 regioni italiane. “Anche in questa occasione – scrive la Gazzetta di Parma – la Gioco Polisportiva ha saputo imporre il valore dei propri atleti, ammirati per lo stile con cui hanno nuotato, conquistando un titolo italiano con Francesca Andreotti (25 rana) e ben tre posti d’onore con Alessandro Bianchi, Laura Pellegri (la sua prima volta 100 stile libero in vasca lunga) e la stessa Andreotti. Bene anche Luca Vitali e Filippo Magnani.

Francesco Picucci partecipa ai Mondiali di Roma nella distanza dei 50 stile libero, grazie al nuovo primato italiano di categoria da lui stabilito negli assoluti di Chieti.

La “24 ore di Salsomaggiore”, nella piscina Leoni, vede la significativa partecipazione della Gioco tra le altre società di normodotati. Curiosa e impegnativa la formula: ogni società occupa una corsia e s’impegna a fare in modo che vi nuoti un solo atleta per volta; ogni atleta scende in acqua una volta sola, sostituito al termine della sua performance da un compagno di squadra; sono consentite brevi soste in acqua per assumere cibi e bevande. Capitanati da Giacopinelli, 5 coraggiosi si alternano completando la gara di 24 ore continuative: Bergenti, Lo Presti, Pistonesi, Pirisi, Silvi.

Giuseppe Colao si fa onore nel tiro a segno da 25 metri con la pistola ad aria compressa, piazzandosi 4° a Padova nei campionati assoluti. Un aspetto da sottolineare: al poligono di Padova sono state eliminate tutte le barriere architettoniche. La regolarità delle prestazioni ad alto livello ha fruttato a Beppe la chiamata per un ritiro della nazionale a Belluno.

Tra le notizie un po’ curiose: per la prima volta compare il nome CAMST in una richiesta di preventivo per cena sociale di 80 persone; in novembre viene donata una macchina ginnica per la palestra polivalente; l’assessorato cultura della Provincia concede l’utilizzo gratuito della palestra di via Testi per la squadra di basket; viene disdetta la collaborazione delle associazioni Sen No Seng e Qi Gong.
Tra i fogli di carta che si buttano, si è salvata una delle locandine prestampate, formato A3, fondo bianco e grafica “povera”, predisposta per pubblicizzare la partita di basket contro la Briantea Cantù. La data è stampata nelle prime tre cifre: 199 e a mano è stato aggiunto il 4, con l’aggiunta del 6 marzo. La stampa risale ai tempi della serie A2, girone nord, com’è evidente nella parte alta non modificabile. Dunque si risparmia sulla carta, non importa se la squadra milita nella serie superiore.


1995

Apriamo la cronologia di questo anno con quattro novità significative:
– il 22 febbraio dalla Gioco parte una richiesta all’USL di rimborso per il corso per anziani in palestra;
– è dell’8 marzo la richiesta di disponibilità dell’autodromo di Varano;
– il 25 novembre si mette in moto l’iniziativa dei corsi estivi a Bedonia con una richiesta di locali al Comune;
– infine il 18 dicembre si comunica all’Agenzia delle Entrate la chiusura della Lotteria di Solidarietà.
La Gioco si dimostra sempre creativa.

Proseguono le attività dei tre settori: basket, nuoto e tiro a segno, sotto la presidenza del dott. Meli, il quale da ottobre effettua visite mediche per la classificazione dei diversi gradi di handicap per conto della Fisd. Non è stato facile ottenere dalla Fisd questa qualifica, ricordano i dirigenti di allora.

La squadra di basket conclude in A1 una stupenda stagione. Qualche buon risultato ai play off non è sufficiente per la conquista dello scudetto, che rimane un sogno. In ottobre riprenderà il campionato 1995-96 in A1. Nel frattempo Antonio De Gregorio e Maurizio Bassi si ritirano dalla squadra, mentre Davide Romano rientra dal prestito alla squadra di Varese.
Ligorio viene convocato al raduno della nazionale a Brembate (BG) e – novità importante – in settembre gli viene proposto un “contratto” mensile.
In novembre si conferma la trasferta in Grecia per la coppa Vergauwen del prossimo anno.

Il nuoto continua a dare soddisfazioni. La squadra partecipa ai primi di marzo al meeting regionale di La Spezia, aperto al SOI (Special Olimpics). Ottima prestazione di Tommaso Sementa, cat. junior, che vince i 50 stile libero e dorso precedendo il compagno di squadra Filippo Magnani. Nella categoria minimi s’impone all’attenzione Alessandro Bianchi, che migliora i suoi tempi nei 25 stile libero e dorso combattendo contro se stesso, non avendo avversari in grado di impegnarlo. Nella cat. senior vince Matilde Gazzi davanti a Laura Pellegri nei 50 stile libero e rana. Francesca Andreotti guadagna il gradino più alto del podio nei 50 rana, onorando così la categoria senior master. Bene Sara Monferdini, bronzo nei 50 stile libero. Ottime le staffette 4×25 stile libero maschile (Sottili, Bianchi, Sementa, Magnani) e femminile (Andreotti, Pellegri, Gazzi, Manferdini).

Il 15 maggio si svolge il X meeting “Città di Parma”. La Gioco si piazza al 6° posto nella classifica tra le 17 società che hanno portato complessivamente 180 atleti. 2 ori per Giarelli, Bianchi, Andriani e Andreotti. Un oro per Cervi, De Magistris, Gamberini (bolognese in forza da 4 anni alla Gioco). Prima competizione per Natascia Brozzi (argento nei 25 stile libero) e per Barbara Voghera. Argento per Picucci e Sementa. Bronzo per Cervi nei 50 dorso. 2 argento per la Gazzi (50 stile libero e rana) e bronzo per la Pellegri (50 stile libero). Ottima seconda la Mazzoni nei 50 dorso dietro l’Andreotti, “ma troppo spesso penalizzata dalle scelte di gara a cui viene fatta partecipare” – commenta la Gazzetta di Parma del 17 maggio.

Bergamo, ai primi di maggio: 1° meeting Leo Clubs Colleoni, per disabili fisici. Solo 4 dalla Gioco, superstiti della strage di influenza stagionale, ma con ottimi piazzamenti. Giorgio Cervi brilla nei 100 stile libero e nei 50 rana. Fabio Giarelli si impone nei 50 e 100 stile libero. Francesco Picucci vince le gare dei 100 e 200 stile libero. Sei gare, sei ori. Argento per Federico De Magistris nei 50 rana.

Beppe Colao guadagna il bronzo in entrambe le competizioni di tiro, a Monza e a Padova.